24.2 C
Carovigno
venerdì, Agosto 23, 2019
Home Blog Pagina 2

E’ tutto pronto per l’avvio dei Mercati della Terra e del Mare di Torre Guaceto.

Da domani e per 3 giorni, a partire dalle 19.30 e fino alle 24, il giardino del centro visite della Riserva, Al Gawsit, presso la borgata di Serranova, ospiterà i produttori virtuosi del territorio e la cucina di strada, oltre 30 stand con il meglio dell’offerta produttiva e culinaria pugliese. Dalle 19.30 alle 21.30, ancora ogni sera, invece, avranno luogo le attività didattiche dedicate ai bambini a cura degli operatori della cooperativa Thalassia.

Domani, 9 agosto, alle 21 si celebrerà l’inaugurazione della kermesse alla presenza del presidente del Consorzio di Torre Guaceto, Corrado Tarantino, e dei rappresentanti degli enti territoriali. Alle 21.30 inizierà la festa vera e propria festa con lo spettacolo de “I Taricata” presso il giardino botanico. Pizzica di terra e d’acqua dolce, tipica di Torre Guaceto, un viaggio coinvolgente nei canti e nelle danze popolari dell’Alto Salento e del Mediterraneo. Le sinfonie dell’antica e nuova tradizione faranno da colonna sonora agli incontri e alle degustazioni dei Mercati.

Sabato 10, alle 21.30, arriverà il momento dell’approfondimento sul rapporto che lega il cibo all’ambiente e sulla necessità di mangiare con consapevolezza. Presso l’anfiteatro del centro visite Al Gawsit, si discuterà di quanto le scelte alimentari quotidiane abbiano un pesante impatto sugli ecosistemi e siano strettamente collegate ai cambiamenti climatici.
Interverranno: Giovanni Coppini, direttore della divisione OPA (Ocean Predictions and Applications) Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici; Francesco Sottile, membro del Comitato esecutivo nazionale di Slow Food Italia;Mbaye Diongue, sindacalista ed attivista per i diritti dei lavoratori agricoli.

Domenica 11, ancora alla 21.30, invece, si aprirà il laboratorio del gusto: “I grani antichi, gli oli identitari e i formaggi naturali”. Nell’era della globalizzazione e dello sfruttamento ormai non più tollerabile dell’ambiente, si avverte forte la necessità di tornare all’agricoltura amica della natura, biodiversificata e socialmente giusta del passato. Durante la degustazione dei prodotti “Buoni, Puliti e Giusti”, presso l’anfiteatro del centro visite Al Gawsit, Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità onlus, e Francesco Sottile di Slow Food Italia narreranno l’unicità dei prodotti offerti e la rispettiva attività di ricerca culminata nelle opere “Formaggi naturali – Viaggio alla scoperta dei migliori d’Italia” ed “Agricoltura Slow”.

La partecipazione al laboratorio del gusto è gratuita, perché l’intento del Consorzio di Torre Guaceto e di Slow Food è quello di coinvolgere il maggior numero di utenti possibile nel necessario cambiamento delle abitudini alimentari diffuse attraverso la didattica del cibo. Per prenotare chiamare al 347/8408860.

Guarda il video https://youtu.be/EzbdNHNB5R4

La Farinella di Putignano ai Mercati della terra e del mare di Torre Guaceto

Dal 9 all’11 agosto alla Riserva di Torre Guaceto, presso il Centro Visite GAWSIT di Serranova, la Comunità del cibo di Terra Madre per la Farinella di Putignano presenterà l’amato sfarinato di ceci e orzo tostati durante la VII^ edizione de i Mercati della terra e del mare di Torre Guaceto.

Obiettivo dei Mercati della Terra e del Mare di Torre Guaceto del 2019 è promuovere la tutela del paesaggio agrario e marino della Regione Puglia attraverso un cambiamento delle abitudini alimentari delle persone verso prodotti coltivati con metodi sostenibili e allevamenti che pongano massima attenzione al benessere animale, pratiche che comportano la valorizzazione del nostro paesaggio agrario che diventa volano di un turismo enogastronomico attento a queste tematiche.

In quest’ottica la Comunità del cibo e Slow Food Alberobello stanno lavorando alla promozione della biodiversità del territorio della condotta ed in particolare alla ricerca sulle materie prime della Farinella di Putignano.

Il primo grande risultato in tal senso è aver lavorato alla semina e alla raccolta dell’orzograno, un frumento antico quasi del tutto scomparso, che verrà impiegato per il recupero dell’antica ricetta della Farinella da parte della Comunità. Il recupero dell’orzograno è stato possibile grazie ad un piccolo quantitativo di prodotto seminato su una superficie agricola in località Chiancarosa nell’agro di Putignano nel novembre 2017. Nel giugno 2018 si è proceduto alla raccolta manuale con l’impiego di falci e rastrelli e con la tecnica dei covoni di grano lasciati in campo per 24 ore prima del trasporto presso l’azienda agricola della rete ESSENZEDIPUGLIA di Vincenzo Netti dove si è avvenuta la trebbiatura e la setacciatura. A dicembre dello stesso anno si è seminato il primo raccolto e nella prima settimana di luglio 2019 è stato trebbiato il primo raccolto di prodotto che sarà impiegato per la sperimentazione della prima Farinella con orzograno grazie alla collaborazione con Paolo Campanella.

Slow Food Alberobello è la condotta del sud-est Barese che ingloba i comuni di Alberobello, Locorotondo, Putignano e Turi, presieduta da Domenico Pugliese, che ha intrapreso il percorso di valorizzazione di uno dei prodotti più caratteristici della Puglia: la Farinella di Putignano. In quanto prodotto antichissimo con secoli di storia, già inserito nell’Arca del Gusto tra le tipicità a rischio estinzione, Slow Food Alberobello ha favorito la nascita della “Comunità della Farinella di Putignano”, unione spontanea di agricoltori, mugnai, cuochi, studiosi, storici e appassionati, guidata da Domenico Bianco, impegnati a sostenere il progetto di recupero e valorizzazione della Farinella di Putignano, ispirandosi ai principi dell’associazione internazionale di Slow Food e della rete di Terra Madre.

Info
Domenico Bianco – 339 27 80 417 | farinelladiputignano@gmail.com

Carovigno. Arrestato per detenzione al fine di spaccio di cocaina e furto di energia elettrica.

Una Volante dei Carabinieri

Carovigno. 57enne arrestato per detenzione al fine di spaccio di cocaina e furto di energia elettrica. Rinvenute anche due banconote false e un proiettile.

I Carabinieri della Stazione di Carovigno congiuntamente ai militari della Stazione di Latiano, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione al fine di spaccio di cocaina, furto continuato e aggravato di energia elettrica, D. G. V. 57enne di Carovigno. L’uomo è stato anche deferito per detenzione abusiva di munizionamento e di banconote false. A seguito di servizio predisposto i militari hanno effettuato una perquisizione a casa dell’interessato, avendo il fondato motivo di ritenere che potesse occultare sostanze stupefacenti del tipo cocaina.

Nel corso del compimento dell’atto all’interno di un vaso posto sulla mensola sopra il camino, accanto alla porta di ingresso, è stato rinvenuto lo stupefacente, contenuto in sette distinte cipollette chiuse da nastro adesivo di colore nero, all’interno di un involucro di cellophane bianco per un peso complessivo lordo pari a 6.9 grammi. Nel prosieguo, la perquisizione ha portato al rinvenimento di due ritagli di cellophane di colore verde a forma circolare, utilizzati per il confezionamento delle dosi, nonché una banconota da 10€ e una da 20€ risultate false e in ultimo un proiettile calibro 38 Special a pallini marca Speer.

Durante la perquisizione si è accertato che il contatore elettrico era di fatto staccato, nonostante vi fosse l’elettricità, luci accese, frigorifero, TV e scaldino funzionanti. Presumendo pertanto un allaccio abusivo alla rete elettrica è stato richiesto l’intervento del personale Enel, che ha confermato un allaccio diretto con danneggiamento del troncone principale. Il personale tecnico ha provveduto a rimuovere il contatore Enel disattivato, sul cui retro era stato effettuato un bypass a monte del misuratore che ha danneggiato in maniera irreparabile il cavo di alimentazione, con prelievo clandestino di energia. é stato altresì verificato che il contratto con la società erogante risultava cessato dal novembre 2016.

Il furto di energia elettrica ha comportato un consumo totale di circa 30.000 KWh per un controvalore economico di 8.500,00€ circa. L’arrestato che annovera tutta una serie di vicissitudini di natura penale, reati contro la persona e il patrimonio, al termine delle formalità di rito è stato sottoposto agli arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Refezione scolastica, i consiglieri di opposizione chiedono chiarezza sulla delibera presentata dall’amministrazione.

I consiglieri Zizza ed Annicchiarico chiedono la convocazione della commissione comunale per approfondire quanto l’amministrazione sta facendo per il servizio di refezione scolastica.

Nella mattinata odierna i Consiglieri Comunali Antonella Annicchiarico e Vittorio Zizza, quali componenti della 9^ Commissione Consiliare, hanno depositato una richiesta urgente di convocazione della Commissione Consiliare che riguarda la mensa scolastica.

Nel documento protocollato questa mattina si legge “Questa richiesta al fine di avere chiarimenti in merito alle scelte che l’attuale Amministrazione, ha compiuto con l’approvazione della delibera n. 161 del 18/07/2019 e che riguardano la riorganizzazione del servizio di refezione scolastica.

In particolare, da quanto letto è stata prevista la chiusura di n. 2 centri cottura, il pagamento di una quota di iscrizione di € 50,00 da saldarsi entro il 12.08.2019. Da sottolineare l’aumento delle tariffe per la refezione e l’inizio del servizio mensa che partirà dal 15/11/2019.

Tali scelte hanno causato all’interno della popolazione scolastica un allarmismo e mancanza di certezze sulla riorganizzazione del servizio.

Pensiamo che sia opportuno – quantomeno – la sospensione immediata della richiesta di pagamento per l’iscrizione della somma di € 50,00 entro il 12 agosto, ciò in attesa della apertura di un tavolo di confronto con le delegazioni dei rappresentanti delle classi che usufruiranno del servizio.

Azienda scarica abusivamente materiale industriale, denunciato il proprietario

Carovigno: azienda operante nel settore della lavorazione commercializzazione di prodotti edili, scarica abusivamente materiale industriale, smaltisce illecitamente rifiuti e omette le cautele contro gli infortuni sul lavoro. Capannone e area circostante sequestrati. denunciato il titolare.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Brindisi unitamente al locale Nucleo Ispettorato del Lavoro, nel corso dei controlli effettuati nell’ambito del territorio provinciale finalizzati al contrasto di tutte quelle forme di sfruttamento o mancato rispetto delle normative di sicurezza sul lavoro, ma anche tese al contrasto di tutte quelle condotte che vanno ad inquinare l’ambiente circostante, al termine degli accertamenti hanno deferito in stato di libertà il titolare di un’attività commerciale di materiale edile.

In particolare il soggetto denunciato è stato ritenuto responsabile di aver gestito illecitamente i rifiuti nonché, in alcuni casi è stato accertato anche il pregresso incendio di altri. Inoltre lo stesso ha realizzato in modo abusivo un deposito incontrollato ove stoccava i rifiuti speciali nonché una tubazione per il lavaggio del materiale lavorato e creato ad “hoc” uno scarico industriale anch’esso abusivo, e una discarica di materiale inerte. Infine è stata appurata l’assenza di idonea cartellonistica per la necessaria avvertenza contro gli infortuni sul lavoro, e il mancato rispetto della normativa contrattuale relativa alla sicurezza sul lavoro. Ultima violazione contestata è relativa all’avvio della propria attività in assenza di alcuna autorizzazione.

L’intero locale adibito a segheria e area circostante di circa 500 mq sono stati sottoposti a sequestro.

Questa sera torna Vicoli Divini il percorso enogastronomico made in Carovigno

Secondo appuntamento questa sera con il percorso enogastronomico Vicoli Divini, nel centro storico di Carovigno, evento organizzato dal Comune di Carovigno per promuovere le aziende locali.

Dopo il primo grande successo andato in scena nelle scorse settimane, torna questa sera 31 luglio 2019 a Carovigno, l’appuntamento con Vicoli Divini

Intorno alla piazzetta e tra i vicoli saranno allestiti stand per la degustazione di prodotti tipici tradizionali grazie alla presenza delle aziende del territorio e al coinvolgimento dei locali circostanti la Piazza e il borgo antico. Pane, pasta, frise, olio extravergine, salumi, formaggi, vini e non solo per una passeggiata all’insegna dei sapori più tradizionali nella città della ‘Nzegna.

Il tutto è stato fortemente voluto dall’amministrazione comunale e dall’assessorato al turismo e spettacolo che continua nell’intento di offrire nuove opportunità di valorizzazione del centro storico e nuovi strumenti di promozione gratuita alle aziende locali, oltre a proporre una più ampia selezione di eventi al pubblico di turisti e residenti.

Ospiti Musicale il “Trio Sudestino”
VINCE ABBRACCIANTE – fisarmonica
GIORGIO VENDOLA – contrabbasso
FABIO ACCARDI – batteria

Tornano i Mercati della Terra e del Mare di Torre Guaceto: ad agosto “Change your food”

E’ partito il conto alla rovescia per l’arrivo della settima edizione dei Mercati della Terra e del Mare di Torre Guaceto.

L’evento realizzato dal Consorzio di Gestione della Riserva Naturale dello Stato e Area Marina Protetta di Torre Guaceto in collaborazione con Slow Food è dedicato al vasto e sfaccettato mondo del cibo sostenibile. Dal 9 all’11 agosto, il giardino del centro visite della riserva, Al Gawsit, presso la borgata di Serranova, ospiterà produttori locali, ristoratori, incontri dedicati all’approfondimento e alla musica.

Quest’anno il tema della manifestazione è “Change Your Food” che rimanda in modo chiaro e diretto al dramma dei cambiamenti climatici, con il proposito di chiarire quanto le scelte alimentari quotidiane di ciascun consumatore influiscano pesantemente sulla tenuta dell’ecosistema terra-mare.
Obiettivo generale dei Mercati della Terra e del Mare di Torre Guaceto, infatti, è promuovere la tutela del paesaggio agrario e marino della regione Puglia, attraverso la sensibilizzazione dell’utenza sulla necessità di un cambiamento delle proprie scelte alimentari in favore dei prodotti ecosostenibili. Pratica che, se applicata, oltre a migliorare lo stato di salute dell’uomo e dell’ambiente, permette la valorizzazione del territorio, che, così, diventa volano per un turismo enogastronomico attento alle tematiche ambientali.
I Mercati della Terra e del Mare di Torre Guaceto puntano, inoltre, a stimolare l’adesione dei produttori pugliesi alla filosofia del “buono, pulito e giusto”, modello che permette di garantire la qualità dei prodotti e li certifica (Prodotti di Qualità della regione Puglia, DOCG, DOP IGP Presidi Slow Food ecc).

L’evento vanta la certificazione “Ecofesta Puglia” che ne attesta la sostenibilità e gli sforzi profusi dall’organizzazione sul fronte della riduzione e differenziazione dei rifiuti, compensazione delle emissioni di CO2, e lo svolgimento delle attività di informazione dell’utenza e sensibilizzazione ambientale. Nell’ambito della manifestazione saranno allestiti spazi dedicati alla cucina di strada e bancarelle che ospiteranno i produttori virtuosi del territorio. Come da tradizione, l’apertura dell’evento, venerdì 9, sarà festeggiata con un concerto. La serata successiva si passerà all’approfondimento del tema cibo/ambiente. L’ultimo incontro sa

rà quello con il laboratorio del gusto. Ma non solo. Ci sarà uno spazio dedicato ai bambini con percorsi educativi incentrati sul gioco.
“Il grande ritorno dei Mercati è per noi motivo di immensa gioia – ha commentato il presidente del Consorzio, Corrado Tarantino -, queste sono settimane di intenso lavoro, siamo tutti impegnati per la buona riuscita dell’evento, affinché questo possa trasmettere all’utenza il messaggio che ci siamo prefissi, quello della necessità di una svolta delle nostre scelte alimentari in favore del cibo ecosostenibile per fare del bene all’ambiente, e promuovere gli artigiani che lavorano rispettando la nostra terra ed il nostro mare”.

“Quest’anno ai Mercati parleremo delle cause dei cambiamenti climatici in corso – ha dichiarato il presidente di Slow Food Puglia, Marcello Longo -, stravolgimenti strettamente legati all’attuale modello di produzione e consumo alimentare caratterizzato da un uso massiccio di chimica, dalla diffusione delle monocultivar, dagli allevamenti intesivi, e che offre al consumatore prodotti delocalizzati e destagionalizzati. Tale comportamento applicato su larga scala amplifica la ricaduta negativa provocata dai cambiamenti climatici, causando fenomeni di siccità, le alluvioni, l’innalzamento del livello dei mari, la perdita della biodiversità, la migrazione di interi popoli. Dobbiamo darci un limite e i Mercati della Terra e del Mare nascono per l’obbiettivo della diffusione della cultura del buono, pulito e giusto. Deve essere il co-coproduttore a fare le proprie scelte alimentari, non le multinazionali ad imporgli l’acquisto di prodotti standardizzati. Nelle tre giorni, raccoglieremo i frutti del lavoro che abbiamo portato avanti nell’ultimo anno con le nostre attività per la sostenibilità”.

Il Carovigno si iscrive regolarmente al campionato di Promozione

Grazie all’interessamento dell’amministrazione comunale sono stati trovati i fondi per iscrivere la squadra al prossimo campionato di Promozione – si legge dalla nota della società che riceviamo e pubblichiamo

È una buona notizia per i tanti tifosi e appassionati che in queste ore erano in attesa degli sviluppi su quale sarebbe stata la sorte del Carovigno Calcio.

Nella giornata odierna è stato comunicato alla società di iscrivere la squadra al campionato.

La notizia giunta nella tarda mattinata dal sindaco Massimo Lanzilotti che ha assicurato la società che i fondi per iscrivere la squadra erano stati trovati, grazie anche al proficuo interessamento del Presidente del Consiglio Francesco Leoci e dell’assessore Luigi Orlandini.

Lo stesso assessore ha pure comunicato alla società che l’omologazione del campo è a buon fine in quanto erano state già avviate le previste procedure. Nei prossimi giorni il tutto sarà completato e la società disporrà quanto prima del Comunale della Nzegna per lo svolgimento delle partite in casa.

Intanto la dirigenza è già al lavoro per allestire una squadra e organizzare tutte le attività previste per il prossimo campionato.

Alla Città della Nzegna la quarta “Spiga Verde”

Alla Città della Nzegna la quarta Spiga verde. Come le località balneari hanno la “bandiera blu”, i Comuni rurali hanno le “spighe verdi”.

E Carovigno, nel suo vasto territorio, racchiude entrambe le caratteristiche: località balneare e comune rurale. La cerimonia di consenga si è svolta questa mattina a Roma presso Palazzo della Valle sede di Confagricoltura.

Per il Comune di Carovigno c’era l’assessore all’ambiente, Onofrio Palma che ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra FEE Italia e Confagricoltura con l’obiettivo di adattare i principi e la metodologia della ben nota certificazione “Bandiera Blu” alla realtà dei comuni rurali della nostra penisola.

Lo scopo è quello di definire nei territori rurali un livello di sviluppo ambientale e turistico che risponda a parametri di vera qualità. Il tutto nella consapevolezza che l’ambiente si difende attraverso una programma-zione che, attraverso un vero approccio culturale, riesce ad esprime e valorizzare il brand che gli stessi terri-tori sono in grado di esprimere, conservare e tutelare, attraverso emergenze paesaggistiche, culturali, produ-zioni tipiche e di nicchia, bellezze architettoniche e tutto ciò che i Comuni rurali sono in grado di esprimere.
Il programma “Spighe Verdi”, sviluppato da Fee Italia – Foundation for Enviromental Education e Con-fagricoltura, ha lo scopo di favorire lo sviluppo sostenibile dell’ambiente nei Comuni rurali, attraverso un sistema di certificazione volontario, collaudato in oltre 30 anni di esperienza internazionale con il programma “Bandiera Blu”.

L’esperienza di FEE nella gestione del programma internazionale “Bandiera Blu”, si integrerà con i principi del progetto EcoCloud di Confagricoltura, esempio di come le aziende agricole possano attuare prati-che sostenibili che coinvolgano e migliorino tutta l’azienda nei suoi aspetti ambientali, economici e sociali.

Quarta riconferma in casa Brio Service Carovigno, resta Pierluigi Specchia

Il Carovigno Basket è lieto di ufficializzare la riconferma del lungo ostunese Pierluigi Specchia.

Pierluigi, classe 1975, ostunese doc ma carovignese di adozione è alla terza stagione con la maglia rossoblù ed è uno dei pilastri della squadra del patron Giuseppe Greco.

Il lungo carovignese vanta un’esperienza importante avendo calcato piazze come Fasano, Ostuni e Carovigno (5 stagioni in maglia New Basket) sempre in categorie di C e D regionale. Pierluigi è un giocatore molto duttile e prestante fisicamente, fa della difesa e dei rimbalzi il suo principale marchio di fabbrica ma è dotato anche di un carisma e di un’educazione fuori dal comune, pregi che lo hanno sempre contraddistinto nella sua lunga carriera cestistica.

Di seguito riportiamo le sue prima parole dopo il rinnovo:

“Sono orgoglioso di continuare a giocare per questa maglia e per questa società assieme ad un gruppo di amici. Faccio parte di questo progetto da due anni, abbiamo vissuto due promozioni, ho visto crescere, oltre al roster da un punto di vista tecnico, il senso di appartenenza, la voglia di giocare insieme e di aiutarsi in ogni singolo giocatore, componente dello staff tecnico e della società. Siamo oramai una bellissima realtà della pallacanestro brindisina, seria, solida, sempre presente ed attenta alle esigenze di tutti. Voglio fare un ringraziamento particolare a tutti i tifosi che ci hanno fatto sentire il loro calore e supporto ovunque, non solo nel nostro palazzetto ma in tutte le trasferte fatte fino all’emozionante “finale” di Bitonto. Sono sicuro che insieme ci potremo togliere grosse soddisfazioni anche nel prossimo impegnativo campionato di serie D.”

Infine il DS Luigi Greco:

“Siamo contentissimi di aver rinnovato una grande persona come Pierluigi, uomo squadra, uomo spogliatoio e grande atleta che da tre anni contribuisce attivamente ai nostri successi. Tutta la dirigenza e lo staff tecnico hanno premuto per questa riconferma in particolar modo il patron Giuseppe Greco e il coach Gianpaolo Amatori. Sarò un altro anno emozionante, forza Carovigno!”

Uff. Stampa ASD Carovigno Basket

 

 

Popolari Oggi

Abbattimenti senza sosta da parte dell’Arif per combattere la Xylella

Abbattimenti senza sosta da parte dell’Arif: oggi si chiuderà la prima fase con le eradicazioni degli ulivi colpiti da xylella, sul versante ovest della...

La Brio Service Carovigno aggiunge un altro tassello, firma Titas Zydelis

Il Carovigno basket è lieto di ufficializzare la firma dell’esterno under Titas Zydelis. Dopo il colpo Molodovs ecco un altro importantissimo innesto per la Brio...

Incidente alla rotatoria per Ostuni, distrutto il muretto di cinta

Alle 4.00 della notte scorsa distrutto il muretto di cinta della rotatoria in via Ostuni. Sulle cause indagano Vigili Urbani e Carabinieri. Sarà stato presumibilmente...

Il comune di Carovigno licenzia gli sbandieratori: “Fate troppo rumore e disturbate i vicini”

“Fate troppo rumore e disturbate i vicini”: con questa motivazione, il Comune di Carovigno ha sospeso l’autorizzazione agli sbandieratori “Nzegna”, ai musici “Carvinati” e...

Attentato a Pantanagianni, le parole del candidato sindaco Antonio Pagliara

Dopo l’attentato di questa notte alla struttura di Pantanagianni di proprietà della famiglia Semeraro, pochi minuti fa è giunto un comunicato del candidato sindaco...