13.4 C
Carovigno
martedì, 25 Febbraio, 2020
Home Blog Pagina 3

Il pomodoro fiaschetto per la linea NouNou dell’azienda Davines

Nasce dall’estratto di pomodoro fiaschetto di Serranova la linea NouNou dell’azienda Davines, tutta italiana, fondata nel 1983 a Parma.

Shampoo, crema e conditioner puntano sulla bellezza sostenibile utilizzando i prodotti presidio della biodiversità italiana. Una sfida lanciata dalla Davines con i prodotti di Essential Haircare ideata grazie alla collaborazione con Slow Food per un progetto di tutela della biodiversità.

Fin da subito,l’azienda si è concentrata sulla realizzazione di prodotti di qualità, che fossero scientificamente sviluppati per esprimere lo stile e lo spirito che li contraddistingue.Lo stile rispecchia la curiosità, l’apertura al mondo e quella prospettiva italiana di storia, arte, design e moda, che rappresentano la loro eredità e identità culturale. Nonostante si trovino in sintonia con l’atmosfera di oggi, si sono riproposti di creare concetti e prodotti che siano destinati a diventare dei classici con il loro fascino senza tempo.

L’azienda utilizza solo risorse energetiche rinnovabili, ingredienti pregiati e naturali, ed adottano un rigore scientifico al fine di garantire la massima sicurezza per i loro consumatori. Nel 2008 Davines è stata nominata come una delle migliori 100 aziende italiane da “Istituto Italia”.

Il pomodoro fiaschetto, coltivato con passione nella riserva naturale di Torre Guaceto, è alla base della linea NouNou per capelli aridi e sfruttati, poichè ricco di carboidrati e proteine, nutre i capelli, donando lucentezza, oltre ad essere uno dei più preziosi antiossidanti che ci regala la natura, grazie all’importante presenza di vitamina C.

Per la realizzazione di questa linea il Signor Mario Di Latte dell’azienda Calèmone, invia ogni anno 450 chili di salsa di pomodoro oltre allo scarto derivamente dalla lavorazione dello stesso all’azienda. L’estrazione è realizzata con un metodo innovativo e sostenibile e si sfruttano le qualità nutritive della buccia.Tutti i prodotti, sono privi di solfati e parabeni e riducono al minimo l’impatto ambientale, migliorando sostenibilità e prestazioni.

Sequestrata pistola clandestina munita di caricatore, arresto per detenzione illegale di armi

La Polizia di Stato di Ostuni, in Carovigno, ha tratto in arresto nella flagranza di reato di detenzione illegale di arma da sparo un soggetto del posto.

Nel corso dell’operazione è stata sequestrata una pistola clandestina e un passamontagna modello mefisto. L’arrestato, C.M., classe 1990 ed incensurato, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.
L’attività svolta dalla Squadra di pg con l’impiego dell’unità cinofila e del Reparto prevenzione crimine di Lecce, ha consentito di sequestrare nel corso di una perquisizione domiciliare 1 pistola semiautomatica 6,35, modificata e munita di canna priva di matricola, perfettamente funzionante.

La stessa era stata abilmente occultata all’interno di un vano dell’armadio della stanza da letto dell’arrestato assieme ad un passamontagna.
L’indagine è coordinata dalla Procura della Repubblica di Brindisi e ora si concentrerà sul materiale posto in sequestro al fine di appurare l’eventuale utilizzo in azioni delinquenziali in provincia.

Le attività su Ostuni e nella provincia proseguono in maniera incessante ed hanno consentito di raggiungere numerosi risultati.

Carovigno. Lite in un bar, grave giovane 41enne

Violenta lite in un bar di Carovigno: un uomo è stato colpito con una bottiglia di vetro alla gola: trasportato d’urgenza in ospedale un 41enne, V.C., nativo di Ostuni.

L’uomo si trova ricoverato nel reparto di otorinolaringoiatria del “Perrino” di Brindisi. Alla base del grave ferimento un diverbio degenerato nella notte tra martedì e mercoledì nei pressi di un bar situato alla periferia di Carovigno. Pur ancora in cura all’interno della struttura sanitaria, l’uomo non è in pericolo di vita.

Intanto, sono state già avviate da parte del commissariato della Città Bianca, le indagini per risalire all’autore dell’aggressione. Gli agenti sono giunti in pochi minuti sul posto, mentre erano impegnati a poca distanza in un’attività di controllo dell’ intero territorio carovignese.

I poliziotti, coordinati dal vicequestore Gianni Albano, hanno acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza dell’esercizio commerciale. Investigatori, che, analizzando i frame e le sequenze delle telecamere hanno ricostruito l’intero contesto delinquenziale nella quale sarebbe avvenuto il ferimento del 41enne: non si escludono immediati sviluppi all’inchiesta già nelle prossime ore.

Carovigno, nafta davanti l’abitazione di esponente di Legambiente

Carovigno, nafta davanti l’abitazione di esponente di Legambiente

Nafta sparsa per tutta la piazzetta antistante l’abitazione, odore nauseabondo e principio di incendio che ha investito il portone d’ingresso ed il bidone della spazzatura. E’ la scena che si è presentata davanti agli occhi di Mariflo Magli, presidente del circolo Legambiente di Carovigno, nell’uscire di casa.

I fatti si sono verificati la scorsa notte, mercoledì 22 gennaio, nel pieno centro urbano. La fuliggine, infatti, ha annerito parte della pavimentazione della piazzetta del centro storico dove è situata l’abitazione nonchè i gradini ed il portone di noce la cui parte bassa ha riportato delle bruciature. A prendere fuoco, anche, il bidone della spazzatura che era all’esterno. 

La Magli, insegnante di professione, vive con il figlio Jacopo Russo, candidato consigliere alle ultime elezioni amministrative. La famiglia ha sporto denuncia e sul caso sono in corso le indagini da parte dei carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni.

Canale Reale: al via i lavori per la riqualificazione del torrente

Avviati i tavoli tematici per la redazione del progetto che porterà alla rinascita del canale Reale.

Dopo la sottoscrizione del contratto di fiume e l’insediamento dell’assemblea, nelle ultime ore, il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto ha ospitato presso il centro visite, Al Gawsit, il tavolo tematico inerente la riqualificazione ambientale del corso d’acqua.
Hanno preso parte all’incontro, oltre al presidente dell’ente, Corrado Tarantino, i consiglieri del CdA, Vincenzo De Bonis e Vito Ugenti, ed i tecnici del Consorzio, rappresentanti di: Autorità di bacino distrettuale, Ordine degli architetti di Brindisi, Soprintendenza, AQP, Arneo, Politecnico di Bari, Provincia di Brindisi, Regione Puglia, Arpa Puglia, Ordine regionale dei geologi, Sigea, Comuni di Mesagne, Brindisi, Francavilla Fontana.

Il tavolo è stato organizzato allo scopo di una condivisione delle informazioni attualmente disponibili sul conto di quello che, più che un mero canale, è un vero e proprio torrente, il torrente Reale.
Rispondendo a questa necessità, i tecnici del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto hanno illustrato il patrimonio conoscitivo del Reale in possesso dell’ente.
I dati del Consorzio sono il frutto di 20 anni di ricerche e del monitoraggio svolti sul campo. Le pubblicazioni scientifiche sono nell’ordine delle centinaia. Nonostante ciò, la conoscenza del torrente Reale è scarsa e, in maggioranza, desumibile da studi che interessano contesti territoriali ampi.

Nel corso dell’incontro, i tecnici del Consorzio hanno operato una selezione e una sintesi delle informazioni scientifiche disponibili sul torrente, articolando l’argomentazione in quattro temi specifici: indagini sedimentologiche del sistema costiero, rifiuti marini, inquinamento chimico e biodiversità.
Esposto il quadro generale della situazione del torrente dal punto di vista ambientale, il tavolo ha assunto i dati offerti dal Consorzio ed ora ideerà strategie specifiche per il ripristino del Reale.

Prossimamente, si procederà con ulteriori tavoli tecnici nell’ambito della sicurezza idrica, dell’agricoltura, del patrimonio culturale e della programmazione urbanistica.
A chiusura della riunione, i referenti della Regione Puglia hanno espresso soddisfazione per l’ampia e qualificata partecipazione al tavolo ambiente.
“Per noi la riqualificazione del canale Reale è una priorità assoluta – ha commentato Tarantino – Lavoreremo in rete per la sua riscoperta e promozione. Troppo a lungo, il Reale è stato relegato al ruolo di detrattore ambientale, noi lo faremo diventare un gioiello naturalistico ed un forte attrattore culturale”.

53enne sorpreso con sostanza stupefacente, arrestato

53enne del luogo arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

I Carabinieri della Stazione di Carovigno, unitamente all’unità cinofila antidroga di Modugno (BA) e Squadrone Cacciatori Puglia, a conclusione degli accertamenti, hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 53enne del luogo. Nello specifico, i militari operanti hanno proceduto a perquisizione domiciliare, rivenendo in cucina e nella stanza da letto:

– 22 gr. circa di Marijuana;

– 0,49 gr. di Hashish;

– 1 bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento.

Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro. L’arrestato, concluse le formalità di rito, è stato rimesso in libertà su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il comune di Carovigno si aggiudica un finanziamento per l’edilizia scolastica.

La comunicazione è arrivata dal sindaco di Carovigno Lanzilotti e dagli assessori Saponaro e Camporeale.

Il comune di Carovigno si è aggiudicato un finanziamento per tre scuole pubbliche presenti sul territorio cittadino, l’annuncio è arrivato dal sindaco e dalla giunta comunale. Il finanziamento di 21mila euro servirà per ispezionare i solai e i controsoffitti delle strutture al fine di verificare la staticità degli immobili.

“Il Sindaco e tutta l’Amministrazione Comunale sono impegnati nella riqualificazione e nella messa in sicurezza degli edifici scolastici presenti sul territorio; a tal proposito l’Ente è stato beneficiario di un finanziamento per 3 scuole pubbliche, nello specifico la “Francesco Crispi”, la “Salvatore di Giacomo” e la “San Domenico”, con un contributo complessivo di 21.000 € finalizzato alle indagini e verifiche dei solai e controsoffitti.

L’impegno profuso a tale obiettivo, come spiegano gli Assessori Mariagrazia Saponaro e Tony Camporeale, si evidenzia nelle opere già avviate per il recupero della palestra della scuola Francesco Lanzilotti, consistenti, oltre che nel ripristino totale dei locali, anche e per la prima volta nella possibile fruibilità degli stessi da parte dei ragazzi diversamente abili grazie all’adeguamenti dei bagni”.

La storia di Cohiba, la tartaruga con gli occhi chiusi, ed il sogno di ridarle la vista

Cohiba è una Caretta caretta recuperata dal personale del centro recupero tartarughe marine di Torre Guaceto nell’estate 2018.

E’ una femmina adulta in età riproduttiva. Sembrerà strano che ad un anno e mezzo dal recupero, questa tartaruga sia ancora in cura, ed effettivamente è una circostanza straordinaria.
Al momento del salvataggio, ad Ostuni, Cohiba era sottopeso, aveva profonde lesioni sul carapace e non apriva gli occhi. La piccola è stata sottoposta a tutte le cure del caso e, con il tempo, ha messo su peso e le ferite sono guarite.

Solo un problema è rimasto immutato, gli occhi, Cohiba non li ha mai aperti, le secrezioni non si sono mai fermate ed è stato rilevato un edema palpebrale.
Da qui, sono iniziati una serie di accertamenti, dei quali i primi sono stati donati a Torre Guaceto dal WWF Brindisi che, nel corso dei campi estivi organizzati in Riserva, aveva raccolto le donazioni degli utenti.

Nello specifico, gli esami ai quali è stata sottoposta Cohiba servivano a capire cosa stesse accadendo ai suoi occhi, se la problematica derivasse propriamente da essi o dalle ghiandole del sale.
Nel dettaglio, le tartarughe marine sono dotate di due speciali ghiandole, dette ghiandole del sale, che servono ad aiutare i reni degli esemplari ad espellere i sali in eccesso che assorbono in acqua e a proteggere l’occhio, quando l’animale emerge dal mare per nidificare.
Sottoporre una tartaruga marina ad accertamenti come quelli che si sono resi necessari per Cohiba non è semplicissimo. Ciò perché gli anestetici locali non hanno alcun effetto su questi animali.

Per questo motivo, Cohiba è stata sottoposta ad un’anestesia generale di breve durata ed il Consorzio si è avvalso del prezioso contributo di un’equipe specializzata composta dal veterinario dell’ente, Simona Soloperto, ma a anche di un medico esterno esperto della cura degli animali acquatici, Brandon Spolander.
Gli esami hanno dato un risultato negativo ed uno molto positivo. Cohiba è affetta da una brutta congiuntivite con una infezione batterica ed ha un’importante infiammazione, ma la buona e fondamentale notizia è che gli occhi ci sono e sono “sani”.
A questo punto, è iniziata la terapia che, per almeno qualche mese, vedrà il personale del Consorzio impegnato nella somministrazione di svariati colliri, più volte al giorno. Esercizio non facile se si tiene conto del fatto che i farmaci fanno somministrati fuori dalla vasca di degenza e che Cohiba pesa ben 45 chili.

Non si ha la certezza che, a terapia conclusa, Cohiba tornerà finalmente ad aprire gli occhi, forse bisognerà fare ulteriori esami e provare altre terapie. Purtroppo è troppo presto per fare pronostici di guarigione, quel che è certo è che il Consorzio di Torre Guaceto percorrerà ogni strada possibile per permettere a Cohiba di tornare a vedere.

A Carovigno vince le primarie il governatore Michele Emiliano

Puglia, le primarie ricompattano il centrosinistra in Puglia: “Con Emiliano batteremo la destra”

Dopo il successo del governatore uscente Michele Emiliano che alle primarie del centrosinistra in Puglia ha incassato ieri il 70,4% dei consensi con 56.773 voti, i suoi tre sfidanti – l’ex europarlamentare del Pd Elena Gentile, il consigliere regionale del Partito democratico, Fabiano Amati e il sociologo Leo Palmisano (indipendente) – sono “pronti a lavorare tutti insieme” in vista delle regionali in primavera “al fine di contrastare la destra”.

Nel comune di Carovigno si attesta il governatore uscente, sono stati infatti 654 i votanti. Michele Emiliano ha ottenuto 382 preferenze, Fabiano Amati 151, Elena Gentile 106, e Leonardo Palmisano 15. Soddisfazione è stata espressa dagli amministratori del Comune della Nzegna, “Siamo contenti che anche Carovigno, per la prima volta abbia risposto bene alla nostra chiamata visto che l’affluenza al seggio è stata molto alta – sostiene il sindaco Lanzilotti – adesso sosterremo tutt’insieme convintamente il candidato alle prossime regionali Michele Emiliano”.

La Brio Service Carovigno vince e continua a convincere anche fuori casa

Sbancato il Velodromo degli Ulivi, risultato finale: Maglie 56 Carovigno 76.

Continua senza sosta la striscia positiva della Brio Service Carovigno che vince la quarta partita di fila espugnando il Velodromo degli Ulivi di Monteroni dove gioca la Tre Anelli Maglie di coach Giugno.

La squadra di coach Gianpaolo Amatori non parte benissimo subendo la tripla di Mazzei e 4 punti di Trullo ma dopo aver incassato un minibreak di 7 a 0 reagisce prontamente con due punti di Prete e due bombe, una di De Leonardis e una di Bove che portano la Brio Service sul +1 e per la prima volta in vantaggio. Da questo momento in poi ci sarà l’allungo degli ospiti con l’inizio dello show personale di Carlo Menzione, autore di una prestazione superlativa (saranno 35 punti per lui a fine gara), il primo quarto si chiude 12 a 19 per il Carovigno.

Il secondo quarto la Brio Service inizia a martellare i padroni di casa con i canestri di Bove, Menzione e Prete e piazza un altro break che costringe coach Giugno a chiamare timeout. Il Carovigno però continua a difendere e a ruotare da grande squadra e riesce a ripartire con una facilità incredibile ammazzando la partita.

La squadra rossoblù concede solamente 10 punti al Maglie e ne realizza 23 portandosi all’intervallo lungo sul punteggio di 42 a 22.

Il terzo quarto la Tre Anelli Maglie alza l’intensità difensiva e la Brio Service spreca troppo e si blocca in attacco (film gia visto durante tutta la stagione) iniziando a soffrire le avanzate di Mininanni e compagni che si portano sino al -12. Coach Amatori chiama prontamente timeout e riorganizza le idee e soprattutto chiede intensità e più attenzione in difesa, peculiarità della casa. Il timeout sembra funzionare e gli ospiti tornano a controllare e ritrovano il canestro con Menzione e capitan Monna e una tripla di Mimmo Morena. Il terzo quarto si chiuderà con il punteggio di 59 a 43 per il Carovigno.

Il quarto periodo inizia subito bene per gli ospiti, una tripla “ammazza speranze” di Prete e il solito condottiere Carlo Menzione regolano e controllano senza troppe preoccupazioni l’ultimo quarto dove coach Amatori fa esordire il giovanissimo Marco Bagnulo, classe 2004 e carovignese doc, prodotto dal vivaio cestistico del Carovigno Basket che fa emozionare tutti i tifosi presenti realizzando un tiro libero e una tripla che sancisce il punteggio finale sul 76 a 56 per la Brio Service.

Ottima vittoria e grande prova di forza per il Carovigno che dimostra il magico momento di forma ed espugna senza troppi problemi il difficile campo di Monteroni mantenendo la testa della classifica in attesa del risultato di Calimera e dello scontro diretto Invicta Brindisi – Mesagne, rinviato al 21 Dicembre.

Da martedì si ritorna in palestra per continuare a migliorare e per iniziare a preparare al meglio la gara interna contro l’Aurora Brindisi in programma Domenica 19 Gennaio alle ore 18:00 al Pala “F. Prima” di Carovigno. Il patron Giuseppe Greco a nome di tutta la società si augura di vedere gli spalti gremiti per sostenere insieme questi grandiosi ragazzi. Forza Carovigno!
Parziali: 12-19, 10-23, 21-17, 13-17.
I tabellini: Prete 13, Zito, De Leonardis 3, Morena 6, Menzione 35, Bagnulo 4, Monna 5, Dipietrangelo, Eletto 3, Bove 7. Coach: Gianpaolo Amatori.

Uff. Stampa ASD Carovigno Basket

Popolari Oggi

Utenti minacciano Torre Guaceto: intervengano le forze dell’Ordine

Malgrado l’intensa attività di sensibilizzazione degli utenti condotta dal Consorzio di Gestione di Torre Guaceto sin dalla sua nascita, nonostante il controllo dell’area protetta...

Conoscere ciò che si vede a Torre Guaceto: i doni del mare

Accade molto più frequentemente di quanto si possa immaginare di associare un elemento naturale a qualcosa di molto diverso rispetto a ciò che è...

Carovigno, incendiata nella notte auto di persona

Carovigno, incendiata nella notte auto di persona. Fiamme nella notte a Carovigno, dove in periferia è stata incendiata da ignoti la Fiat Panda di una...

Incidente all’alba, 126 finisce fuori strada

Incidente all'alba sulla San Vito-Carovigno: auto finisce nella campagna Auto fuori strada alle prime ore del giorno di oggi, sabato 22 febbraio, sulla provinciale che...

La Brio Service Carovigno mette a segno l’ottava meraviglia. Il Video

La Brio Service Carovigno vola, ottava vittoria di fila e primato in compagnia di Calimera. Domenica sarà sfida al vertice, Calimera ospita Carovigno. Il Carovigno...