Pubblicità

Si svolgerà a Carovigno, preso il Castello Dentice di Frasso, dal 17 luglio al 4 agosto, la rassegna culturale “I Giorni della ‘Nzegna”.

Si svolgerà a Carovigno, preso il Castello Dentice di Frasso, dal 17 luglio al 4 agosto, la rassegna culturale “I Giorni della ‘Nzegna” che l’associazione Ente Culturale – Gruppo Sbandieratori Battitori ‘Nzegna di Carovigno, ha organizzato nell’ambito del Programma Cultura e Spettacolo 2020 della Regione Puglia che
sostiene l’iniziativa.

La rassegna, patrocinata anche dal Comune di Carovigno, è dedicata alla tradizione che più rappresenta la comunità carovignese, la “battitura della ‘Nzegna”, e intende proporre alla cittadinanza e ai suoi ospiti, esposizioni, convegni e spettacoli, finalizzati alla conoscenza ed alla promozione di un’usanza ultracentenaria, assolutamente esclusiva e unica tra le pratiche storiche e religiose pugliesi.

La battitura è una sorta di danza eseguita da due battitori ( i cugini Carlucci) che al ritmo di un’antica musica, sventolano e lanciano in aria una bandiera multicolore (la ‘Nzegna) in segno di preghiera e ringraziamento nei confronti della Madonna di Belvedere. Questa usanza affonda le proprie origini in una storia dai tratti leggendari tramandata da generazioni, che associa il rituale della battitura alla rievocazione del casuale ritrovamento di un’ immagine sacra affrescata sulle pareti di una profonda grotta e ai successivi festeggiamenti svoltisi in onore della Madonna, lanciando in aria un fazzoletto colorato annodato ad un
bastone.

La “battitura della `Nzegna” costituisce un patrimonio identitario della comunità locale a cui l’associazione Ente Cultura ‘Nzegna intende dare visibilità, attraverso la programmazione di attività che potranno stimolare la curiosità dei visitatori, amplificando la diffusione e la conoscenza dei luoghi e delle tradizioni.

Secondo il presidente Giovanni Buongiorno, “La crescita culturale ma anche lo sviluppo economico di un territorio, passa dalla valorizzazione del proprio patrimonio e noi siamo convinti che in questo modo si possa avviare un percorso sostenibile in grado di generare cultura, lavoro e buona occupazione.”

La rassegna aprirà i battenti sabato 17 luglio alle ore 18:30 con la conferenza “I giorni della ‘Nzegna. Riflessioni sul passato e prospettive future”, organizzata in collaborazione con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Brindisi e Lecce, e con la partecipazione dell’Università di Roma e dell’Università di Salerno, con l’intento di avviare un percorso finalizzato ad acquisire e diffondere conoscenze in materia di beni culturali immateriali e per promuovere scambi e collaborazioni con comunità che conservano tradizioni similari alla “Battitura della ‘Nzegna ” di Carovigno. Tra queste la “Contesa della Nzegna” di Falerone e “Il ballo dell’Insegna” di Forcella nel Comune di Teramo.

Nelle serate finali del 3 e 4 agosto sarà proposto lo spettacolo teatrale “Una storia millenaria” a cura del regista e scenografo Giuseppe Convertini