Il sen. Roberto Marti (Lega) scrive al governo per affrontare la situazione di Carovigno.

Dopo le parole del consigliere comunale della Lega Vittorio Zizza alla nostra redazione, nella quale ha richiesto interventi immediati per il comune di Carovigno, militari e sanitari è stato raccolto dal sen. Roberto Marti, che ha indirizzato alle massime autorità del nostro territorio locale e nazionale.

Di seguito l’intervento del sen. Marti .

Il Comune di Carovigno, situato a nord del capoluogo brindisino, risulta il più colpito della Provincia.  Conta, ad oggi, 6 decessi accertati dovuti al Covid-19 e 21 persone risultano positive al tampone. La situazione tuttavia è ancor più drammatica; dal riscontro dei medici di base (di cui due in isolamento domiciliare e uno in attesa di tampone all’Ospedale Perrino di Brindi) e dai familiari delle persone contagiate, il numero dei casi di Covid-19 è di gran lunga superiore a 21. Da informazioni raccolte sul territorio, risulta che sono numerosissime le persone rinchiuse in casa con sintomi riconducibili a quelli del coronavirus ed in attesa di tamponi. La situazione sta evidentemente sfuggendo di mano.

Il Comune di Carovigno conta 17 mila abitanti ed ha una superficie di 106 Km quadrati circa. Per il controllo di un territorio così vasto, il Comune ha a disposizione un numero esiguo di agenti di polizia locale; un numero irrisorio evidentemente già per la normale attività di vigilanza. Anche il locale Comando dei Carabinieri, seppur efficace nell’azione e nell’impegno di controllo del territorio, risulta carente di uominiper fronteggiare una simile emergenza.

Le dichiarazioni rese dal Sindaco circa l’atteggiamento non sempre collaborativo dei cittadini di Carovigno e la mancanza di sufficienti posti ospedalieri adeguati alla cura del Covid-19, in aggiunta al fatto che il fenotipo di malattia riscontrata nei pazienti è contraddistinto, oltre che da una grave e rapida progressione, anche da un elevata diffusibilità, conducono a ritenere che il rischio di rapida diffusione nell’area del Comune di Carovigno sia gravissimo.

Già il 19 marzo scorso, quando ancora la situazione sanitaria non risultava così grave, non essendosi verificati i primi decessi, il Sindaco di Carovigno, con una nota indirizzata al Presidente della Regione Puglia, al Prefetto di Brindisi e la Direttore Generale della ASL di Brindisi, comunicava lo stato di emergenza sanitaria in cui versava il territorio carovignese. Il Sindaco, al fine di realizzare una compiuta azione di prevenzione, chiedeva ai destinatari della missiva “l’assunzione immediata di ogni misura di contenimento e gestione adeguata e proporzionata all’evolversi della situazione epidemiologica, individuando idonee precauzioni ed indirizzi operativi univoci per fronteggiare adeguatamente possibili situazioni di pregiudizio per la collettività”.

Lo stesso giorno, alcuni Consiglieri Comunali appartenenti a gruppi politici diversi, chiedevano al Sindaco ed al Prefetto di voler adottare con estrema urgenza le misure straordinarie necessarie per arginare, con maggior decisione, la diffusione del virus.

In particolare, si chiedeva l’attuazione di un piano di pattugliamento e controllo dell’intero territorio del Comune di Carovigno, a mezzo delle Forze di Polizia e, ove necessario, l’intervento dell’Esercito, al fine di garantire un maggior rispetto delle prescrizioni attualmente esistenti e scongiurare che soggetti, ancora ignari della situazione di pericolo, possano disattendere le normative in vigore ponendo in pericolo la salute e l’incolumità di tutti i cittadini. Entrambe le richieste sono cadute nel vuoto. Nessuna risposta.

Il 24 marzo scorso, le Organizzazioni Sindacali della dirigenza medica ospedaliera e dei medici di medicina generale della Provincia di Brindisi, con una nota indirizzata al Presidente della Regione Puglia, al Direttore della ASL di Brindisi, al Prefetto di Brindisi e al Procuratore della Repubblica c/o il Tribunale di Brindisi lamentavano intollerabili ritardi nella refertazione dei tamponi Covif-19 (fino a 4/5 giorni di attesa) inadeguate forniture dei DPI, l’inosservanza delle “Linee di indirizzo regionali in tema di Strategia di depistaggio e di diagnosi di Covid-19”.

La situazione emergenziale in cui versa il territorio di Carovigno è stata anche oggetto nei giorni scorsi di numerosi articoli di stampa, che riferiscono di un focolaio presente nel comune di Carovigno e, ad ogni notizia di un nuovo decesso, parla di un “bollettino di guerra”.

Nella giornata del 26 marzo scorso, anche i sindaci della provincia di Brindisi hanno chiesto a gran forza di essere aggiornati sull’effettiva portata della situazione del contagio al fine di portare le migliori soluzioni possibili per i cittadini dell’intero territorio.

Si apprende dalle agenzie di stampa che dal 28 marzo è in corso l’impiego dei militari impegnati nell’operazione “Strade Sicure”per gestire l’emergenza sanitaria nel contrasto e contenimento al Covid-19 nel solo capoluogo brindisino, nonostante la richiesta presentata dalle autorità del Comune di Carovigno.

Alla luce di quanto sopra,

si chiede

oggi, dopo 6 morti e un numero non specificato di contagiati, l’invio immediato di uomini e mezzi delle Forze Armate presso il Comune di Carovigno al fine di rafforzare la presenza dello stato sul territorio e la costituzione urgente di un cordone sanitario per evitare il diffondersi incontrollato del virus.

Il Senatore della Repubblica – Roberto Marti

TI RACCOMANDIAMO