Scianaro

Il medico fasanese si schiera a favore del primo cittadino di Carovigno: “E’ doveroso che dal punto di vista epidemiologico, voglia approfondire ciò che stranamente sta accadendo nella propria città, una tra quelle più interessate dal fenomeno del COVID”.

Esprimo la mia vicinanza al Sindaco di Carovigno Massimo Lanzillotti per aver valutato l’opportunità di eseguire test per COVID sulla popolazione di Carovigno.
A dichiararlo è il consigliere Antonio Scianaro dirigente medico e microbiologo che ha operato per oltre trent’anni nella Asl di Brindisi nel servizio di Patologia Clinica.
Ritengo giusto che un sindaco si preoccupi ed abbia a cuore la salute dei propri cittadini.

Il Sindaco nella veste di massima autorità sanitaria locale e anche da componente della conferenza dei sindaci della ASL BR, è doveroso che dal punto di vista epidemiologico, voglia approfondire ciò che stranamente sta accadendo nella propria città, una tra quelle più interessate dal fenomeno del COVID.

Tanti sono stati i casi di contagi e di decessi nella piccola realtà di Carovigno ed è giusto che vengano fatte le opportune valutazioni e gli studi epidemiologici anche con test rapidi, per fermare un fenomeno oggi ancora poco conosciuto.

Il dato epidemiologico sicuramente è utile per la gestione dell’emergenza. Già dalla fine di marzo il sottoscritto ha segnalato alla Direzione Generale della ASL BR ed al Prefetto l’opportunità di eseguire tamponi nelle RSA di tutta la provincia di Brindisi.

Non è un caso che a Ceglie buona parte del personale è risultato positivo al tampone.
La politica ed i sindaci in particolare, devono esercitare in maniera sinergica il giusto ruolo collaborativo con tutte le istituzioni, con l’auspicio di porre fine a questa straordinaria emergenza che ha inginocchiato l’Italia e il mondo.

TI RACCOMANDIAMO