Guardia Costiera: sanzioni all’interno della Riserva Naturale e Specchiolla

Pubblicità ElettoraleBanner_Elettorale_300x250_Lanzilotti

Guardia Costiera: sanzioni all’interno della riserva naturale dell’ area marina protetta di Torre Guaceto, a Specchiolla montagna di “alghe” ammassate.

CONTENUTO SPONSORIZZATO

A seguito di numerose segnalazioni, in merito al deposito indiscriminato lungo le spiagge del litorale del comune di Carovigno, di biomasse vegetali (Posidonia Oceanica) impropriamente definite alghe, i militari della Capitaneria di Porto di Brindisi sotto il coordinamento del Capitano di Vascello Salvatore MINERVINO nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro 2018”, nella giornata odierna hanno sanzionato il gestore di un noto stabilimento balneare in località Specchiolla. In particolare, aveva fatto asportare la Posidonia Oceanica dalla spiaggia in concessione trasportandola in un’area demaniale adiacente.

Lo spiaggiamento delle biomasse è un fenomeno naturale riconducibile all’azione concomitante della presenza delle specie vegetali nell’ecosistema marino (in prevalenza la fanerogama Posidonia Oceanica), dei cicli biologici delle stesse, dell’ intensità e direzione delle onde e delle correnti ecc. e che generano veri e propri accumuli sulla battigia ed i primi metri delle spiagge, creando non pochi disagi a bagnanti ed operatori. La presenza di tali biomasse è fondamentale per il naturale ripascimento degli arenili pertanto, in ragione di ciò, la Regione Puglia ha vietato la deliberata asportazione delle stesse dal sito di concentrazione, rimandando a opportune misure di corretta gestione del delicato sistema e contenute nelle proprie Linee Guida che prevedono il coinvolgimento dei Comuni costieri. Al concessionario è stata comminata una sanzione amministrativa dell’importo massimo di 3.098 euro.

Nelle giornata di ieri, nella zona “A” della “Riserva Naturale di Torre Guaceto” sono stati sanzionati dei soggetti che effettuavano la balneazione. Inoltre un mezzo da diporto navigava nella Riserva Marina, è stata sanzionato da una Motovedetta in forza al Comando della Guardia Costiera di Brindisi.

Si ricorda che nella zona “A” all’interno dell’area di riserva integrale, è assolutamente vietata, la balneazione, la navigazione, l’ancoraggio e qualsivoglia attività legata agli usi del mare, come disposto dal Regolamento dell’area marina di Torre Guaceto istituita con Decreto Ministeriale del 26.01.2009 a tutela del delicato ecosistema marino..
Altre tipologie di infrazioni rilevate hanno riguardato la sosta selvaggia sulle dune costiere a nord della Riserva Naturale di Torre Guaceto del comune di Carovigno, un esempio di inciviltà e di mancanza di rispetto che non conosce limite. Nei casi di specie, le sanzioni ammontano a 206 euro.

Inoltre, continuano i controlli lunga la filiera ittica, mirata al contrasto della vendita di prodotti ittici presso improvvisati banchetti abusivi per le vie cittadine, in data odierna i militari hanno sequestro circa un quintale di mitili quali cozze. In quanto con una bancarella di fortuna, un soggetto vendeva prodotti ittici di dubbia provenienza, privi di qualsiasi documento di tracciabilità, verosimilmente prodotto proveniente della pesca sportiva di frodo. Allo scopo di scongiurare che tale prodotto potesse finire sulle tavole di qualche ignaro cittadino, è scattato il sequestro con contestuale irrogazione di pesanti sanzioni amministrative per un importo massimo di 4.500 €., il prodotto ittico sequestrato è stato distrutto.

Il Comandante MINERVINO, infine, nell’assicurare che i controlli continueranno incessantemente per il resto della stagione estiva, sensibilizza tutti gli operatori del settore turistico balneare e i fruitori del mare a porre attenzione sul rispetto delle norme previste dalle ordinanze balneari della Regione Puglia e della Capitaneria di Porto di Brindisi, con particolare attenzione alla sicurezza della balneazione e alla salvaguardia della vita umana in mare. “Per informazioni il personale della capitaneria di porto è sempre disponibile al numero 0831521022 mentre in caso di emergenza è necessario contattare il numero ‘blu’ per le emergenze in mare 1530 attivo 24 ore su 24″.

Guarda Anche
Scelti Per Te