Denunciata per evasione dagli arresti domiciliari 41enne arrestata unitamente ad altri 14 soggetti il 18 luglio scorso su ordinanza di custodia cautelare per reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Vito dei Normanni hanno denunciato in stato di libertà per il reato di evasione dagli arresti domiciliari S.I. classe 1977 di Carovigno.

La donna era stata arrestata il 18 luglio scorso nell’ambito di un’operazione condotta dai militari di San Vito che aveva portato all’arresto di 15 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, nonché di reati in materia di armi e contro il patrimonio (prevalentemente furti in abitazione).

L’attività investigativa condotta dal luglio al novembre 2017 è scaturita da due attentati incendiari commessi ai danni di due imprenditori di Carovigno, presumibilmente a scopo estorsivo. Le investigazioni sviluppate nella circostanza hanno anche consentito di:

– documentare un florido spaccio di sostanze stupefacenti nei Comuni di Carovigno e San Vito dei Normanni;

– sequestrare complessivamente 2 chilogrammi di marijuana e varie dosi di cocaina chiamata dagli indagati “pupi”;

– contestare altresì la commissione di furti in appartamento, nonché l’indebito utilizzo di strumenti di credito per procacciarsi il denaro necessario all’approvvigionamento di stupefacente.

Riguardo allo stupefacente spacciato, si tratta di cocaina venduta a 100€ al grammo, di hashish e di marijuana venduta al prezzo di 10€ la dose. Per la conduzione dell’illecita attività di spaccio, il gruppo si è avvalso anche di un minorenne, ora divenuto maggiorenne e sottoposto agli arresti domiciliari, al quale è stato ceduto in varie circostanze documentate lo stupefacente affinché lo spacciasse.

TI RACCOMANDIAMO